Ogni viaggio un esame..

Al mare in Portogallo: Madeira, Azzorre e non solo

Piccolo ma con un territorio estremamente variegato lo stato del Portogallo occupa l’estremità più occidentale della penisola iberica ed è tagliato in due dal fiume Tago: un Nord prevalentemente montuoso e un Sud dominato da un paesaggio agricolo e bagnato dalle acque dell’Oceano atlantico grazie alle quali vanta un costa di ben 830 km.

Ma quali sono le località balneari più belle per chi vuole trascorrere una vacanza al mare in Portogallo?

photo credits
La sua costa meridionale, denominata Algarve, è una delle mete turistiche più gettonate per chi vuole trascorrere le vacanze al mare. Ben 200 km di coste sabbiose e rocciose dal mare cristallino dove il sole brilla tutto l’anno. Uno splendido alternarsi spiagge dorate e scogliere rosse a picco sul mare che ha reso l’Algarve uno delle località balneari preferite d’Europa.

Albufeira e Faro sono i due principali centri turistici dell’Algarve, mentre le sue tre perle inedite dove godere delle bellezze naturali in pace e tranquillità sono:
-Sagres, piccolo villaggio nell’estremità orientale e paradiso per i surfisti perché sulle sue splendide spiagge non manca mai il vento che favorisce le onde e mitiga il caldo,
Tavira, cittadina situata nel centro dell’Algarve, affacciata sul fiume Gilao e immersa nel Parque natural da Ria Formosa. Qui si trovano le spiagge più belle del Portogallo tra cui merita una particolare attenzione quella dell’isola di Tavira, l’ilha de Tavira, che può essere raggiunta in sli 5 minuti di traghetto ed è una vero e proprio paradiso terrestre.
Vilamoura, la località più chic dell’Algarve meta di un turismo più raffinato e anc’essa situata nel Parque e lontana dalla folla. La spiaggia più bella è Falesia che colpisce per la sue caratteristiche rocce rosse.

Le isole del Portogallo

Le isole delle Azzorre, nove isole di origine vulcanica situate nel mezzo dell’ Oceano Atlantico sono la destinazione ideale per chi è in cerca di relax e tranquillità e ama il contatto con la natura. In passato queste isole rappresentavano una comunità per i pionieri del nuovo mondo mentre oggi sono una regione autonoma del Portogallo.

Qui il clima è imprevedibile e spesso piovoso ed infatti la maggior attrazione per i visitatori sono i suoi straordinari paesaggi, le montagne verdi ravvivate dal blu delle ortensie e le perle di architettura portoghese che si possono ammirare passeggiando per le stradine lastricate.

Le isole di Madeira sono, invece, un paradiso subtropicale a metà strada tra isole delle Canarie e l’isola di Santa Maria nelle Azzorre. Anch’esse regione autonoma del Portogallo, le isole di Madeira sono un piccolo arcipelago perfetto per i viaggiatori che amano il mare, ma anche la montagna e la cultura. Le spiagge sono quasi tutte ricoperte da ciottoli e circondate da un suggestivo scenario roccioso. Da visitare in particolare il centro balneare Canico e le spiagge delle località di Camara de Lobos e di Ponta da Sol.

La seconda isola per grandezza dell’arcipelago di Madeira è l’ isola di Porto Santo, conosciuta soprattutto per le sue spiagge sabbiose e dorate e in particolare per una spiaggia di sabbia di ben 9 km dove potersi immergere in acque rese tiepide dall’attività vulcanica sottomarina e godere di un’atmosfera calma e tranquilla non ancora invasa dal turismo di massa. Da non dimenticare che Porto Santo è l’isola che ospitò Cristoforo Colombo.

L’ arcipelago di Berlengas dalla natura incontaminata e selvaggia è stato dichiarato Riserva Naturale grazie alla sua ricca e variegata flora e fauna. Si trova al largo delle coste portoghesi ed è costituito da un gruppo di tre isolotti Estelas, Farilhões e l’isola di Berlenga. Quest’ultima è la più grande, offre innumerevoli e meravigliose spiagge con un’invidiabile barriera corallina e conta ben 100 specie botaniche diverse.

Nessun commento:

Posta un commento