Ogni viaggio un esame..

Cosa mangiare in Cina, tutto quello che devi sapere

L’aspetto gastronomico è uno di quelli che mi interessa di più, specialmente quando la mia meta di vacanza è lontana anni luce dalla mia realtà. Con la Cina ho preso nel segno non trovate? Prima di partire mi sono informata su ogni aspetto della loro cucina, scoprendo una varietà davvero sorprendente.


photo credits
La cucina in generale si divide in quattro grandi gruppi: quello settentrionale, quello meridionale, quello occidentale ed orientale. A Pechino ad esempio ho potuto assaggiare la tipica cucina settentrionale. Il piatto più caratteristico che ho potuto assaggiare è certamente l’anatra laccata. La curiosità è ovvia quando si sente parlare di un piatto laccato, specie se salato.

Ci è stata servita in un bel ristorante che ci ha riservato un’elegante saletta privata, con tanto di tavolo girevole, sopra il quale tutte le portate venivano riposte. I primi giorni sono rimasta sorpresa dal piccolo piatto che ogni commensale ha a disposizione.

In verità in Cina è usato come salva gocce o raccogli briciole, perché di norma non ci si versa una porzione privata di qualsivoglia portata. Con le bacchette si afferra quel che si desidera mentre il tavolo girevole ruota, dissetandosi non tanto con l’acqua, quanto piuttosto con il “tee”.

Quando l’anatra laccata è stata servita, una gentile cameriera ci ha fatto vedere come il piatto doveva essere composto. Un disco di pane che somiglia ad una piadina in miniatura deve essere riempito con della carne (addolcita dalla laccatura), con della salsa di prugne e delle verdure croccanti e voila, il piatto è servito.

Altra specialità sono i ravioli al vapore. Ne abbiamo assaggiato di squisiti a Xi’an, dove i ravioli assumono la forma di quel che contengono. Va da sé che quelli ripieni di pesche avranno forma di pesciolino e quelli ripieni di carne, assumeranno forma di maiale.

La varietà di farine con le quali confezionano ottimi panini e spaghetti è davvero notevole, ma soprattutto a lasciarmi di stucco è stata la genuinità degli alimenti che di rado sono fritti. Squisita anche la cucina orientale, gustata a Shanghai, con il pollo ubriaco e molte altre specialità di mare.

Non ho purtroppo avuto modo di assaggiare la cucina cantonese (meridionale) che pare essere quella più spesso cucinata dai cinesi in occidente.

Nessun commento:

Posta un commento