Ogni viaggio un esame..

Xi’an e l’esercito di terracotta: Speciale viaggio in Cina

Xi’an è una piccola e popolosissima cittadina il cui nucleo più antico e centrale è chiuso all’interno di imponenti mura, che si allungano per 16 chilometri, alte 12 metri e spesse 18 metri sulla base. Fondate durante la dinastia Ming a tutt’oggi sono in piedi, attraversabili, e ricche di torrette di guardia.

La principale attrazione che ci si aspetta di vedere quando si va in visita a Xi’an è sicuramente il sorprendente esercito di terracotta. In tv lo abbiamo visto tutti, eppure vedere la vastità ed il realismo dell’opera dal vivo è tutta un altro paio di maniche. Le fosse visitabili all’interno del complesso archeologico sono tre, e fin dalla prima si percepisce il senso di grandiosità che accompagna il sito.

photo credits

I soldati, ciascuno diverso dall’altro, sembrano uomini a tutti gli effetti, in attesa d’essere risvegliati. Stupisce principalmente la passione per il dettaglio e l’attenzione per i particolari. Man mano che si avanza per le sale, è sfilata di soldati semplici, generali, comandanti, tutti a protezione della tomba dell’imperatore ancora non scavata.

Di tutt’altro genere il Quartiere Mussulmano, una piccola oasi mussulmana a tutti gli effetti, all’interno della quale contributi artistici cinesi e islamici si mescolano con un’armonia che lascia di stucco. Il quartiere storico che si srotola su un’unica lunga direttrice, si conclude con una preziosa moschea che purtroppo non abbiamo potuto visitare in quanto al suo interno si celebra ancora attivamente il culto.

Da non perdere all’interno del quartiere il viale interamente dedicato alle bancarelle ed agli acquisti. Si trovano dei souvenir davvero interessanti, ovviamente se si ha voglia di contrattare. A grande sorpresa ho scoperto che i cinesi amano farlo, quando poi si tratta di cinesi mussulmani…

Nessun commento:

Posta un commento