Ogni viaggio un esame..

Zone meno turistiche della Sardegna

La Costa Smeralda è da sempre la destinazione più ambita da chi decide di trascorrere le vacanze in Sardegna , ma tante sono le zone sarde meno turistiche che vale la pena di scoprire. Se siete stanchi della solita Sardegna prendete la cartina e andate alla ricerca delle località meno celebrate dal turismo sardo ma non per questo meno attraenti o seguite i nostri consigli:


photo credits

L’Arcipelago Sulcitano

Si trova nel sud ovest della Sardegna ed è costituito da sue isole grandi, Sant’Antioco e S. Pietro, e da vari solotti di minore importanza.
Sant’Antioco è la quarta isola più grande del Mediterraneo ed è la giusta scelta per chi spiagge confortevoli anche per bambini, mare turchese come quello della Costa Smeralda e soprattutto prezzi accessibili. L’isola è collegato alla Sardegna da un sottile istmo di terra che conduce ad un ponte nodo di accesso alla cittadina di Sant’Antioco situati ai piedi di una piccola collina e ricca di musei e siti archeologici tra cui il villaggio pre-nuragico di Canai e di alcuni Menhir
L’isola di San Pietro, invece, è di origine vulcanica ed è caratterizzata da coste alte e rocciose, da un mare limpidissimo e da una vegetazione rigogliosa. L’unico centro abitato è Carloforte fondato da una colonia di pescatori liguri che hanno influenzato notevolmente l’urbanistica del paese.

Le dune più alte d’Europa

Una vacanza tra le dune in Sardegna: questa sì che è un’idea originale. Esplorare il complesso di dune tra le più alte d’Europa situato nella costa sud-occidentale dell’isola per scoprire paesaggi e panorami strabilianti che lasciano senza fiato.
Si trova nella zona di Piscinas lungo la costa verde nel territorio comunale di Arbus e può essere descritto come un angolo della Sardegna vergine e selvaggio. Le dune, dichiarate patrimonio dell’Unesco, raggiungono i 100 metri d’altezza, sono continuamente modellate dai venti occidentali e circondate da di ginepri plurisecolari, lentisco, ginestra ed euforbia alternate ad ampie distese di tamerici e di giunchi nei pressi dei corsi d’acqua.
Da non tralasciare le spiagge di Piscinas dalla spiaggia dorata e finissima paradiso per i surfisti che qui godono di un mare sempre agitato. Un deserto tutto italiano che regala la possibilità di un viaggio avventuroso, romantico e surreale.

La zona di Palau

Noleggiate un fuoristrada e partite alla scoperta del volto più affascinante della Sardegna ovvero quello naturalistico. Il giusto modo per entrare in contatto con le tradizioni locali, per imbattersi nei suoi panorami mozzafiato e perdersi nei suoi angoli più nascosti.
La zona di Palau, cittadina nella costa nord-orientale dell’isola di fronte all’isola della Maddalena, è un ottimo punto di partenza per percorsi naturalistici. Innanzitutto recatevi sul Monte Altura da cui si possono ammirare le montagne della vicina Corsica e dove si trova una Fortezza Militare
Da visitare anche il sito archeologico della Tomba dei Giganti Li Mizzani dove sorgono struttura di epoca nuragica immerse nella macchia mediterranei e il promontorio di Capo dell’Orso con l’omonima roccia scolpita dal vento che ricorda la sagoma di un plantigrado e domina tutto il territorio sottostante.


Nessun commento:

Posta un commento