Ogni viaggio un esame..

San Teodoro ad inizio estate

Ancora una proposta di mare per il ponte del due Giugno, l'entusiasmo dei primi caldi estivi ci porta oggi alle porte della Costa Smeralda: San Teodoro, una delle mete più apprezzate in Sardegna.

L'Italia, terra di spiagge e mare con i suoi 7500 km di costa ha nella Sardegna la sua punta di diamante, sabbia banchissima o rosata, acque cristalline ed ospitalità senza limiti, ma cosa usciamo a fare dai confini italiani?  Riuscire a partire alla volta di San Teodoro è un gran privilegio, la fine della primavera è il suo momento migliore, quando la natura è intatta e immobile, prima che le fiumane di turisti la invadano completamente.


Le migliori spiagge

Nei primi di Giugno le temperature si mantengono tra i 21 ed i 28 gradi, clima secco e ventilato per una tintarella assicurata, mentre il mare, così famoso, così tante volte citato o paragonato è all'altezza delle aspettative.

Il litorale offre un'infinità di piccole spiagge protette da scogliere granitiche e nascoste dalla rigogliosa macchia mediterranea, calette più o meno frequentate, fantastiche da scoprire in barca. La Cinta è di gran lunga la spiaggia più nota con la sua lunga lingua di sabbia bianca e finissima ma altrettanto importante è Cala Brandinchi, ribattezzala Thaiti per le sue acque limpidissime.

Questa si affaccia sull'Isola di Tavolara ed è incorniciata dalla laguna e dalla pineta. Capo di Coda Caballu, tra Olbia e San Teodoro offre un'incantevole vista, mentre Marina di Lu Impostu è una sottile striscia di sabbia che divide le acque del mare da quello dello stagno di fenicotteri rosa, che colorano la laguna.

Cosa fare a San Teodoro

San Teodoro e il suo mare sono una cosa sola e anche gli sport praticabili sono quasi tutti acquatici: ci si può cimentare nello snorkeling, nel diving, nel windsurf, nello sci nautico, nel kite, bellissimo è andare alla scoperta dell'Area Protetta Marina di Tavolara.

In alternativa si possono fare lunghe passeggiate a piedi o cavallo lungo la costa, sulle spiagge, oppure inoltrarsi nell'entroterra, facendo tracking su Monte Nieddu. Ovviamente vengono organizzate molte gite in barca, verso l'isola di Tavolara oppure alla volta delle meraviglie dell'arcipelago di La Maddalena o alle Grotte del Bue Marino.

Cosa mangiare

La cucina è fatta di pochi prodotti della campagna, il latte, la carna, la farina, il miele, gli ortaggi, ma combinati insieme con grande esperienza regalano piatti unici. La zuppa gallurese è una sintesi perfetta della tradizione culinaria di queste parti, fatta di pane, formaggio e brodo di manzo.

La mazza frissa, è un altra pietanza tipica, un mantecato dal sapore delicatissimo, ottimo col miele. Essendo una località di mare, San Teodoro,  non possono mancare poi piatti a base di aragoste, cernie ed orate.Tra i dolci imperdibili le seadas, i cucciuleddi milati con le mandorle o li riuddi, fagottini di ricotta o formaggio fresco fritte ed immerse nel miele.

Come arrivare a San Teodoro

E' possibile arrivare nella cittadina in aereo o in traghetto, usufruendo del porto e dell'aeroporto di Olbia, a pochi chilometri di distanza. Le compagnie aeree che volano su Olbia sono Easyjet, Meridiana, AirVallee, Aplieagles, Helvetic.com, Charter ed EdelweissAir. Mentre le compagnie navali principali che effettuano attività di traghettazione per Olbia sono SNAV, Tirrenia Navigazioni, Moby Lines, Grandi Navi Veloci.
photo credits

Nessun commento:

Posta un commento