Ogni viaggio un esame..

5 luoghi romantici a Parigi

Parigi, come poche altre città europee, è una destinazione per turisti a 360 gradi. Sì perchè ogni tipo di turista ricerca dal viaggio stimoli diversi: per esempio c'è il turista accelererato, che ha la missione di piantare bandierine ad ogni monumento nel minor tempo possibile, c'è il turista rilassato, quello da pensione completa, che che non si allontana mai troppo dall'albergo e preferisce le visite guidate, e poi c'è il turista innamorato.

photo credits
Bè in qualche modo il turista innamorato ha meno pretese, con le lenti rosate si tende ad apprezzare un pò tutto, ma questo non esonera dal ricercare i posti più adatti in cui recarsi. L'innamorato ha il cuore leggero, e tra una chiacchera e l'altra, mano nella mano, riesce a macinare un'incredibile quantità di chilometri: quindi le passeggiate sono fondamentali.

Dove passeggiare romanticamente? Prima di tutto lungo la Senna, e mi raccomando tenete la rive gauche, quella di sinistra, quella della Parigi colta, intellettuale, musicale, la riva che passa in maniera spettacolare per il Quartiere Latino, la Sorbonne e Montparnasse. E magari passeggiateci di sera, quando il fiume s'accende di luci ed i ponti si specchiano in acqua.

E poi passeggiate nei parchi, per esempio al Jardin des Plantes, antico giardino Reale trasformato in un incredibile parco botanico, 4500 piante di varia provenienza suddivise in sezioni, e così potrete ammirare specie alpine, o ritrovarvi nel clima torrido dei Tropici o in quello secco e caldo del Mexico, ricreato nelle serre. Dedicate qualche chilometro anche al Jardin des Touileris, una vera istituzione, una delle attrazioni più visitate, classificato come patrimonio dell'umanità dall'Unesco.

In secondo luogo ricordatevi che il turista innamorato non vuole appesantirsi la vacanza con troppa cultura, visitate il Louvres e il Museo d'Orsey ma dedicatevi poi anche a cose più frivole. Un'ottima destinazione per assecondare lo spirito del turista innamorato, fatto di odori, colori e tutto quello che ha a che fare con i sensi è il mercato delle pulci di Saint Ouen, frequentato da Colette e da Picasso.

E' il più grande mercato di antichità del mondo (il vintage è molto da innamorato), e si estende su sette ettari, giusto per non perdere il ritmo con le passeggiate. Scarpe, vestiti di seconda mano, antiquariato, dischi, specchi, vecchie poltrone, l'offerta è veramente varia, e se avrete voglia di far due chiacchere con i botteghai vi accorgerete che il mercato è pieno di aneddoti.

Saranno le passeggiate, lo shopping, o i bollenti spiriti, non si sa perchè gli innamorati hanno sempre fame. Bè Parigi, saprà bene come assecondarvi. Baguettes, brioshe, croissant, bignes, soufflés, e poi formaggi, coiquillage, crostacei, patate fondue, crepes suzette, crepes sucrè. Tutto innaffiato da ottimo vino. A Parigi, il turista innamorato, necessariamente prende qualche chilo!

Uno dei posticini più romantici per mangiare al ristorante, è recarsi in un bistrot a Montmartre, nell'antico quartiere degli artisti squattrinati, dove si trova il Moulin Rouge. Ad esempio molto apprezzato è il ristorante Chez Plumeau, situato in Place du Calvaire, locale tradizionale molto accogliente con ottima cucina regionale e carta dei vini da capogiro senza lasciarci un capitale.

Fate un giro agli Champs Elysées, già che ci siete attraversate il Pont de l'Alma, godetevi la grandezza de la Tour Eiffel da sotto ed evitate di comprare souvenir.

Nessun commento:

Posta un commento