Ogni viaggio un esame..

Weekend a Nantes: cosa visitare

Meta ideale quindi per un week end lungo, o anche tappa di un tour.Il centro si visita tranquillamente a piedi grazie anche a una linea verde tracciata sulla strada che percorre il centro toccando tutti i punti di interesse: basta seguirla per raggiungere il Castello dei Duchi di Bretagna, la Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo, il Memoriale dell’abolizione della schiavitù.

Graslin e’ considerato il quartiere elegante e qui si concentra l’atmosfera un po’ retrò che ricorda il XIX secolo.

Attrazione particolare della città e’ la Galleria Delle Macchine che si trova nel Parco dei Cantieri, sull’Isola di Nantes , una vera e propria isola che si adagia sulla Loira, nel punto centrale del suo attraversamento della città.


credits
Questa Galleria delle Macchine e’ un ex cantiere navale l’edificio e’ stato recuperato e adibito alla costruzione di giostre e macchine che sono punto d’incontro tra il mondo fantastico di Jules Verne e l’ingegneria meccanica di Leonardo da Vinci.

Un enorme elefante meccanico porta i turisti in giro i turisti dentro a questo mondo dove si incontreranno insetti meccanici giganti, piante carnivore meccaniche e il carosello dei Mondi Marini.

Oltre alle Macchine dell’Isola, nel parco dei cantieri si possono visitare l’edificio dei Laboratori dei Cantieri di Nantes (mostra permanente Costruttori di navi), L’Hangar delle banane , un deposito che riunisce sale espositive, bar , ristoranti che si affacciano direttamente sulla Loira.

Attraversando la Loira con il bus/battello si può raggiungere Trentemoult un villaggio di pescatori dove le case hanno mille colori e le stradine si intrecciano scoprendo angoli pieni di piante che sembrano piccoli giardini.

Trentemoult e’ un villaggio molto vivo e dove si alternano vari eventi: durante il mio soggiorno ho potuto assistere alla 5° edizione del Rezè Trentemount un appuntamento per chi ama l’arte e l’artigianato. Durante questo evento le case si trasformano in gallerie d’arte: gli abitanti/artisti del villaggio infatti aprono le loro case a chiunque voglia entrare per ammirare le loro creazioni.

Spostandosi verso l’Oceano si puo’ visitare l’Estuario che e’ stato trasformato in una galleria d’arte all’aperto. Nei 60 Km dell’Estuario ( percorribili in auto, bicicletta o anche in battello) infatti sono state inserite opere d’arte moderna firmate dai più grandi artisti di oggi e che in alcuni casi sembrano veramente far parte della natura che le circonda.

Cosi si può ammirare il serpente dell’oceano, la villa ciminiera e il Misconceivable, la barca che sembra cadere dal molo.

Sempre percorrendo l’Estuario e’ possibile visitare le località di mare preferite dai francesi. Tra queste sicuramente la Penisola di Guerande merita una visita con il suo castello all’interno del quale e’ possibile trovare ristorantini tipici, negozi caratteristici e dove poter acquistare un sacchetto del locale “sale di Guerande” usato da molti Chef.

Per rimanere in tema culinario vanno sicuramente citati i biscotti di Nantes e le crepes dolci o salate, fatte in mille modi. Il fabbricato dove risiedeva l’ex biscottificio Lu e che si affaccia sulle sponde del canale Saint-felix, e’ stato rivisitato e ospita ora un ristorante. Oltre ai vari locali che si trovano nel quartiere Graslin, merita una visita le Nid, un bar che si trova su una terrazza panoramica che consente una vista mozzafiato.

All’interno del locale l’arredamento e’ formato da una enorme cicogna le cui uova fanno da sgabelli per gli ospiti del locale. Sicuramente una città interessante ideale per un week end lungo o come parte di un tour.