Ogni viaggio un esame..

Kos oltre la spiaggia cosa fare/vedere?

Sono tante le leggende ed i miti che vedono come protagonista l’isola greca di Kos. Si narra che tre giganti trovarono rifugio qui dopo la battaglia con i titani e che Ercole si riposò a Kos dopo le sue famigerate fatiche. D’altronde è impossibile non rilassarsi in questo paradiso facente parte dell’arcipelago del Dodecaneso, dove storia, mitologia e bellezze marine viaggiano di pari passo e così come donarono in passato lustro a questo tratto di Grecia, così rendono tutt’ora quest’isola una meta estiva apprezzata da moltissimi turisti.


Nel corso dei secoli sono stati svariati i popoli che hanno soggiornato qui, in particolare presso il capoluogo Coo e i segni delle diverse culture sono visibili ancora adesso. Da un lato templi greci e palazzi romani, dall’altro costruzioni in stile veneziano.

L’isola ha un fascino davvero unico rappresentando anche la culla della medicina. Qui infatti nacque Ippocrate a cui i medici moderni dedicano il giuramento solenne alla fine del proprio corso di studi. Tappe obbligatorie, dunque, una volta giunti a Kos dovranno essere i luoghi più significativi di questa storia come il tempio di Platano, antichissima costruzione risalente al IV secolo a.C. famosa per essere la scuola dove Ippocrate riceveva i suoi alunni. Si continua con il tempio di Asclepio, che qualcuno potrà conoscere come l’Asclepion, dedicato proprio all’omonimo dio della medicina. Queste sono terre dove le fondamenta nascondono tesori in ogni dove e con il tempo molte di queste meraviglie stanno tornando alla luce. Vi sono ritrovamenti dell’antica agorà, con abitazioni, monumenti, statue.

Come dicevamo prima quest’isola rappresenta un crocevia di culture, quindi allontanandoci dalle maestose rovine greche potremmo ritrovarci ad ammirare una moschea del 1700: la moschea di Gazi Hassan Pasha. Davvero interessante è anche Palio Pylio, un borgo medievale dove molte cose sono rimaste intatte, come le numerose chiese testimonianza di una vita comunitaria. Infine se vogliamo rendere completa questa immersione nel passato possiamo recarci al museo archeologico di Kos che raccoglie preziosi oggetti risalenti alla nascita della città, nonché manufatti greci e romani, importanti sculture come la statua di Ippocrate e i mosaici che una volta abbellivano le case romane. La città di Coo è davvero ricca di opere d’arte, ne sono un esempio anche i tanti castelli, di cui il più famoso esempio è quello fatto costruire dai Cavalieri di San Giovanni, chiamato appunto Castello dei Cavalieri.

La vacanza però non è fatta solo di interessanti escursioni, ma anche di divertimento a contatto con la natura. Ecco che viene in nostro soccorso Psalidi, paradiso naturale habitat di una flora e fauna incantevoli e di uccelli rari. Al contempo questo luogo offre spiagge con mare cristallino dove passare rilassanti giornate. Se poi vogliamo godere di ogni meraviglia di quest’isola, dobbiamo recarci nella località chiamata Terma proprio perché qui vi sono acque sulfuree che si congiungono direttamente con il mare. Particolare è anche Bubble Beach i cui pozzi pare siano una vera delizia per la nostra pelle. Completano la nostra vacanza le numerose escursioni organizzate per altre isole greche come Rodi, i locali aperti anche fino a note fonda, la cucina tipica deliziosa e il calore degli abitanti di Kos, isola greca dalle innumerevoli risorse.