Ogni viaggio un esame..

La Valle della Loira e il Festival Internazionale dei Giardini di Chaumont

Nella splendida regione di Francia sorge un posto incantato, unico per i suoi monumenti, paesaggi e itinerari storici: la Valle della Loira. È conosciuta in particolar modo per i numerosi castelli costruiti a partire dal X secolo e che hanno raggiunto il loro splendore nell’epoca dell’illuminismo, quando i sovrani, seguiti dalla nobiltà parigina, fecero erigere maestosi palazzi per le loro villeggiature.



Questa località è talmente caratteristica e custode di un tesoro inestimabile che l’UNESCO nel 2000 l’ha dichiarata patrimonio dell’umanità, ritenendo la valle “un eccezionale paesaggio culturale, di grande bellezza, formato da città e villaggi storici, grandi monumenti culturali e terre che sono state coltivate e plasmate da secoli di interazione fra le popolazioni locali ed il loro ambiente fisico, in particolare dallo stesso fiume Loira”.

Una località affascinante, che diventa ancora più invitante dal 22 aprile fino al 16 ottobre, quando va in scena il Festival Internazionale dei Giardini di Chaumont. Il tema scelto per questa edizione è l’arte della biodiversità e giardini del futuro.

Nella splendida location del castello di Chaumont, risalente al XI secolo, viene affrontata una tematica molto delicata e più che mai reale. Un termine molto usato quello della biodiversità, ma raramente se ne comprende a fondo il significato.

Un sistema variegato di organismi viventi appartenenti al mondo animale e vegetale, che vivono insieme, tutti necessari e collegati gli uni agli altri. A pensarci, un giardino è proprio un luogo dove cooperano e convivono diverse tipologie si entità, dall’insetto al fiore.

Questo festival si centra sul concetto del giardino come ecosistema, un simbolo che pone l’attenzione su quanto va ancora fatto per salvaguardare la biodiversità ed evitare che tantissime specie di piante e di animali scompaiano dal nostro pianeta. Durante la manifestazione si ha la possibilità di ammirare giardini progettati con tecniche nuove, all’avanguardia. Una vera e propria mostra che esalta le bellezze del posto e propone stupende realizzazioni nel campo del design e dell’architettura paesaggistica.

I giardini saranno visitabili di giorno e, dal 1 luglio al 31 agosto anche di notte, nell’ambito del programma Jardins de Lumière. Dalle ore 22.00 fino alla mezzanotte suggestivi giochi di luce metteranno in risalto queste creazioni. Era il 1992 quando prese inizio questo Festival e da subito si propose come un appuntamento da non perdere, per conoscere nuovi e vecchi talenti dell’arte dei giardini.

Il tutto si snoda nel pieno rispetto di tutti i componenti del luogo storico che ospita il festival, anzi valorizzare la regione di Chaumont-sur-Loire è uno dei compiti di questo evento. Un richiamo turistico di grande importanza, un’occasione in più per visitare tutti gli altri castelli e giardini che popolano la Valle della Loira, non a caso soprannominata la culla della lingua francese.