Ogni viaggio un esame..

itinerario in Scozia, alle Highlands

Nella parte settentrionale della Gran Bretagna si estende una delle quattro nazioni appartenenti al Regno Unito, ovvero la Scozia, in gaelico Alba, ancorata a numerose leggende e tradizioni che la rendono una meta particolarmente suggestiva. È una terra magica che affascina per la varietà del suo territorio fatto di aspri rilievi e scogliere del Mare del Nord, laghi, fiumi e torrenti, acquari e parchi faunistici e per la sua ricchezza architettonica oltre che una vivace vita culturale.

photo credits
La stagione migliore per visitare la Scozia è quella estiva quando il clima è mite, la vegetazione è più rigogliosa e i paesaggi si esprimono in tutta la loro bellezza. In particolare la maggior parte dei turisti sceglie il mese di Agosto durante il quale si svolge un gran numero di festival tra cui il Military Tattoo e il prestigioso Festival delle Arti di Edimburgo, il principale evento culturale scozzese a cui partecipano artisti provenienti dai cinque continenti.

Questa è solo una delle tante ragioni che spingono milioni di turisti a visitare la Scozia ad Agosto, entrando in contatto con la cultura di questo mondo celtico e godendo del suo variegato paesaggio. Le attrazioni da scoprire, i luoghi da visitare sono tanti e non c’è che l’imbarazzo della scelta tra i tanti itinerari possibili.

Oggi proponiamo l’ itinerario delle Highlands e l’isola di Skype tra castelli, mostri e ottimo wisky.
Le Highlands sono un’aspra e selvaggia regione montuosa nella parte settentrionale della Scozia dove montagne imponenti, distese di eriche, brugherie, foreste, imprevedibili insenature e tranquilli villaggi di pescatori mostrano tutto il loro fascino. E sullo sfondo l’incanto delle isole scozzesi.

L’itinerario si sviluppa attraverso le 5 zone in cui è suddiviso il territorio:
  • le grandi Highlands Settentrionali, deserte, e spazzate dal vento
  • la regione di Fort William tradizionale punto di arrivo alle Highlands e capitale del distretto Lochaber, che sorge ai piedi della valle di Great Glen ed a pochi chilometri dal Ben Nevis, la montagna più alta di tutta la Gran Bretagna con una caratteristica cima tonda da cui si gode di un panorama mozzafiato
  • la regione di Inverness e Loch Ness: percorrendo la A62 in direzione Inverness si incontra il famoso Lago di Loch Ness, un esteso e profondo lago che si estende per circa 37 km ed è noto soprattutto per l’avvistamento nelle sue acque del presunto Mostro di Lock Ness, soprannominato Nessie, di cui non si ha alcuna prova certa. Il lago di loch Ness copre una vasta area ricca di punti di interesse turistico che consigliamo di visitare: a sud del lago il caratteristico villaggio di Fort Augustus, dove si possono ammirare le barche che attraversano il Caledonian Canal, mentre verso nord le rovine del castello di Urquart e il Loch Ness Exhibition Centre a Drumnadrochit. Assolutamente da non dimenticare la città di Inverness, capitale delle Highlands e importante dinamico centro abitato situato all'imboccatura del Moray Firth, il più ampio fiordo scozzese. Da qui sono possibili diverse escursioni ed anche una visita alle isole Orcadi raggiungibili in traghetto
  • la parte più occidentale delle Highlands che contrappone alla dolce costa orientale un frastagliata e tormentata costa caratterizzata da fiordi e insenature. Qui suggeriamo di visitare le caratteristiche cittadine di Ullapool, Laide e Gairloch dove sembra che il tempo si sia fermato.
  • l’ isola di Skype, un’isola magica di rara bellezza, dalle coste frastagliate e dalla natura incontaminata che un tempo i celti chiamavano isola alata e i vichinghi isola delle nuvole. E' impreziosita da grandi montagne, cascate e castelli storici. Merita un visita di almeno due giorni.

Nessun commento:

Posta un commento